tristezza-depressione

Nella vita di ogni essere umano ci sono le cose belle e le cose brutte, i giorni sì e i giorni no, i periodi positivi e quelli negativi. Tutto sommato, tirando le somme, gli uni e gli altri si equivalgono. In fin dei conti, la vita di ogni essere umano, tolte le apparenze e i fatti esteriori, nella sua essenza è la stessa per tutti: la felicità, la tanto agognata felicità, è solo un attimo fuggente e, se non la sai cogliere al volo, non ti puoi godere neanche quei rari momenti che di tanto in tanto ti arrivano quasi come un dono.

La vita di ogni giorno non è né bella né brutta, né scialba né straordinaria: è una vita normale, nella routine del quotidiano. E così è per i belli e per i brutti, per i poveri e per i ricchi, per i grandi e per i piccoli… A volte, si sa, capitano delle cose belle e non stiamo a porci tante domande, prendiamo la vita così come viene.

Le cose si complicano nei momenti difficili. Quando tutto sembra andare male e le cose non vanno come desideri o avevi progettato. Allora cominci a riflettere, a porti un sacco di domande, cercando risposte e soluzioni. In quei momenti l’unica cosa che vorresti fare è quella di sfuggire dalle complicazioni in cui ti trovi in qualunque modo, magari accelerando il tempo o facendoti una dormita per poi risvegliarti quando tutto è passato.

Nella sua modalità di sopravvivenza, l’essere umano sa fare solo due cose: attaccare se pensa di essere abbastanza forte da vincere l’avversario o la situazione difficile o fuggire quando non vede nessuna via di sbocco. La mente umana sa reagire solo in questi due modi.

Quando, infatti, si trova in una situazione difficile, cerca sempre una scappatoia.

Se la reazione attacco-fuga funziona con i fatti ordinari e le cose legate alla sopravvivenza, non funziona affatto quando si tratta dei grandi temi della vita. La vita, infatti, è troppo complessa per la piccola mente umana abituata ad affrontare e risolvere le piccole cose di ogni giorno. Di fronte ai grandi temi dell’esistenza si trova del tutto impotente. L’unica cosa che sa fare di fronte a tanta immensità è quella di volgersi in un’altra direzione.

Ma la vita è fatta per essere vissuta pienamente. Una vita non vissuta nella sua interezza è una vita sprecata!

Quando allora ci troviamo in momenti difficili, quando non sappiamo come affrontare le situazioni e cerchiamo risposte e soluzioni, invece di assecondare la mente che cerca sempre una via di fuga (evasione, tv, droghe, sesso compulsivo, fumo, alcool…), la cosa migliore da fare è lasciarsi completamente cadere nella situazione, immergersi interamente in essa, lasciarsi andare, viverla pienamente.

Se non scappi, se trovi il coraggio di affrontare la situazione vivendola e lasciandoti cadere in essa, ecco che ti arrivano le risposte, le soluzioni, un modo diverso di vedere le cose… e la tanto agognata serenità interiore, che ti permette di andare in una direzione nuova per esprimerti per quello che sei, al meglio di te stesso.

A chi sa viverla pienamente, la vita elargisce con generosità i suoi splendidi doni.



Cose



Cose che milioni di esseri come me
hanno fatto milioni di volte come
trovarsi in un momento importante
a mendicare soluzioni dappertutto

Cose che ci vogliono ore giorni e anni
per penetrarle e farsene penetrare
e cose che non basta una vita

Cose che più le spremi e più lacrimano
che ti sputano in faccia chi più ami
voragini che ti si spalancano improvvise
come larghe fenditure di terremoto

e il segreto è tutto là:
nel lasciarvisi cadere.

 

Guarda il video